Caricamento...
Progetti2019-09-17T10:26:40+02:00

Progetti

La nostra Scuola dell’Infanzia fa parte di un Istituto comprensivo che lavora nell’ottica della verticalità. Riunendoci con il dipartimento di Italiano, abbiamo condiviso l’intenzione di valorizzare l’importanza della “cittadinanza” attraverso le fiabe.

Dalle osservazioni emerse durante lo scorso anno, nelle Sezioni disomogenee, abbiamo riscontrato che attraverso metodologie didattiche quali le drammatizzazioni e il racconto di storie e favole, avviene un favorevole apprendimento delle regole, un incremento dell’autonomia e dell’accettazione degli altri.

Pertanto abbiamo riscontrato la necessità di dare significato all’educazione alla cittadinanza come un valore fondamentale della comunità. Grande attenzione è posta alla specificità di ogni persona e alla propria storia individuale.

In questo periodo storico – sociale, di cambiamento  interculturale e multietnico, siamo chiamati a sostenere con maggiore consapevolezza un’apertura oltre i propri riferimenti personali, a ciò che lega e tiene insieme per promuovere ascolto, incontro, comunicazione e relazione.

Vero sfondo integratore e punto di riferimento, che concorre a definire il curricolo è il documento presentato dal MIUR nel febbraio del 2018 che rilascia e integra il testo del 2012 “INDICAZIONI NAZIONALI E NUOVI SCENARI”.

Questo documento fa riferimento alla “Raccomandazione del Consiglio Dell’Unione Europea” del 22 maggio 2018, sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente, ponendo in rilievo il tema della cittadinanza.

Pertanto, le fondamentali finalità della scuola dell’infanzia sono identità, autonomia, competenza e cittadinanza.

Da tale documento si evince che: “Vivere le prime esperienze di cittadinanza significa scoprire l’altro da sé e attribuire progressiva importanza agli altri e ai loro bisogni; rendersi sempre meglio conto della necessità di stabilire regole condivise; implica il primo esercizio del dialogo che è fondato sulla reciprocità dell’ascolto, l’attenzione al punto di vista dell’altro  e alle diversità di genere, il primo riconoscimento di diritti e doveri uguali per tutti; significa porre le fondamenta di un comportamento eticamente orientato, rispettoso degli altri, dell’ambiente e della natura”.

Al centro del curricolo si colloca la promozione delle competenze di base (cognitive, emotive e sociali) che strutturano la crescita di ogni bambino, con particolare attenzione al campo di esperienza ”il sé e l’altro” che prefigura la promozione di una cittadinanza attiva e responsabile.

Questo campo ha come oggetto la ricostruzione dell’ambiente di vita dei bambini, della loro esperienza e storia personale, da declinare verso la consapevolezza di una storia “plurale”, di regole trasparenti di convivenza, di costruzione di un futuro da vivere insieme (cittadinanza), nel delicato equilibrio tra “grammatiche comuni” da condividere e diversità da riconoscere e rispettare.

Scarica il pdf dettagliato sui progetti